La Scuola

Visite: 1672

SalgariDSC_0047Centenario della scomparsa di Emilio Salgari
Pirati, Corsari ed Eroine all’Istituto comprensivo di Motta S. A.
Giovedì 26 maggio, nella hall dell'Istituto Comprensivo Statale “Gabriele D'Annunzio” di Motta Sant'Anastasia, in occasione della Settimana della Cultura, su iniziativa del periodico l’Alba, nell’ambito della propria Rassegna “In cerca d’Autore”, in coorganizzazione con il suddetto Istituto ed il Centro Giovanile mottese, ha avuto luogo un interessante incontro culturale dedicato al Centenario della scomparsa di Emilio Salgari, prolifico scrittore a cavallo tra Otto e Novecento. A presentare l'evento il professore Pino Pesce, direttore de "l'Alba" che, dopo aver sintetizzato il profilo umano e letterario dello scrittore veronese, ha presentato un eccellente studioso di Salgari: il professore Mario Tropea, docente di letteratura italiana all'Università di Catania, il quale ha deliziato i presenti raccontando con particolari letterari, molti inediti, la storia culturale dell'infelice scrittore, spiegando cosa spingeva quest'ultimo a scrivere le sue fantastiche avventure. Ad arricchire il dibattito, le letture di alcuni passi di Salgari da parte della studentessa universitaria e promettente attrice Elena Caruso e del bravo attore Lino de Motta.
All’'incontro hanno anche partecipato il giovane artista/scrittore erotico ed elzevirista Dario Matteo Gargano, l'assessore alla Cultura di Motta Sant’ Anastasia, Vito Caruso, e la dirigente dell'Istituto ospitante: Daniela Di Piazza, che ha aperto il dibattito per ringraziare i presenti e in particolare il prof. Tropea.
Nel corso dei vari interventi sono venuti fuori i problemi familiari dello scrittore, le grane con le case editrici "sanguisuga" e la disperata infelicità, a monte la pazzia della moglie e i debiti, che lo ha spinto al suicidio per harakiri.

Ad allietare i presenti, con dolci note,  sono stati la giovane pianista Claudia Aiello e l'ancor più giovane chitarrista Armando Percolla.
L'incontro si è concluso con una breve ma coinvolgente visualizzazione di diapositive riguardanti le prime copertine dei libri di Salgari, considerate particolari per il loro stile liberty, arricchito da ghirigori orientaleggianti, figure di eroi ed eroine che hanno tanto solleticato e spinto la fantasia dei lettori più appassionati.

Gessica Scandura